Procedimenti

Amministrazione Trasparente

Esumazione ed estumulazione

Descrizione del procedimento

Sono due operazione che riguardano  la rotazione delle salme seppellite nei campi di inumazione in terra (esumazioni) e per le salme tumulate nei loculi, nelle tombe e cappelle di famiglia (estumulazioni).  L’esumazione è l’estrazione della salma dalla fossa di seppellimento dopo almeno 10 anni dall’inumazione e la riduzione dei resti mortali, che verranno depositati in ossario comune, a meno che colore ne abbiano interesse facciano domanda di tumulazione in posto sepolcrale nello stesso cimitero o di traslazione in altro cimitero o di cremazione. E’ regolata dall’Amministrazione comunale, nella necessità di preparare il campo per  nuove inumazioni. L’estumulazione è l’estrazione dal posto sepolcrale (loculo) di una salma per tentarne la riduzione dei resti mortali, o per traslarla in altra sede. In via ordinaria l’operazione viene eseguita al termine del periodo di concessione delle sepolture  a seguito di rinuncia al rinnovo della concessione cimiteriale (esumazioni ed estumulazioni ordinarie). In via straordinaria  l’operazione, con determinate cautele, può essere eseguita su richiesta degli aventi diritto.

L’esumazione straordinaria si esegue prima del periodo decennale per ordine dell’autorità giudiziaria o con autorizzazione dell’Amministrazione comunale, per traslare la salma in altra sepoltura o per cremarla. L’estumulazione straordinaria  per ridurre i resti mortali avviene, a seguito di richiesta degli interessati, prima della scadenza del contratto di concessione. L’estumulazione di salma per traslazione può avvenire in qualsiasi momento successivo al seppellimento, nonostante ciò si consiglia di far trascorrere almeno 20 anni dalla tumulazione (DPR 254/2003 art. 3 comma B) , considerato che dopo tale periodo si ritiene probabile la mineralizzazione e la riduzione della salma. L’estumulazione di cassette di resti o di urne di ceneri può avvenire in qualsiasi momento successivo al seppellimento.

La richiesta di esumazione e/o estumulazione straordinaria deve essere presentata ai Servizi demografici – cimiteriali dai seguenti soggetti:

  • Il concessionario del posto sepolcrale (chi ha firmato il contratto di concessione) o , se deceduto, gli eredi , d’accordo con i famigliari più prossimi del defunto;
  • I famigliari più prossimi del defunto, d’accordo con il concessionario del posto sepolcrale o si suoi eredi.

La richiesta deve contenere il luogo di destinazione della salma o dei resti.

La domanda deve essere presentata in bollo; alla domanda deve essere allegata una seconda marca da bollo (Euro 16,00) che verrà applicata all’autorizzazione.

Quando possono essere eseguite le operazioni

Dal 01 ottobre al 30 aprile , evitando pertanto il periodo estivo e le temperature molto elevate.

In caso di esumazioni ed estumulazioni straordinarie si specifica che tutti i costi relativi a scavi e procedure di esumazione sono a carico dei richiedenti.  Pertanto i richiedenti stessi devono contattare l’impresa per gli scavi e l’agenzia di pompe funebri per la cassettina contente i resti, in quanto  l’Amministrazione comunale  non ha società in appalto che si occupano di esumazioni o  lavori presso il Cimitero comunale. I richiedenti devono inoltre contattare una società specifica che si occupi dello smaltimento di tutti i rifiuti derivanti dall’esumazione. Verso il Comune non è previsto alcun diritto , tassa o comunque spesa per la procedura di esumazione.

Chi contattare

Termine di conclusione

Entro 30 giorni dalla richiesta.

Costi per l’utenza

Una marca da bollo da €16,00 da applicare alla richiesta.

Modulistica per il procedimento

Scorciatoie